Musica per meditare - Scopri il tuo suono | We Meditate

Musica per meditare

Goditi una collezione speciale di brani di musica da meditazione che abbiamo messo insieme, ottima per aiutarti a lasciare andare dei pensieri del mondo e raggiungere lo stato della pace interiore.

Playlist
24:50
Sitar | Raag Yaman
04:19
Setar Dashti
10:41
Sitar | Raag Bhairavi
19:46
Santoor | Ambient
22:01
Persian Vibes | Rast-Panjgah Story
03:04
Persian Vibes | Segah Avaz
Playlist
03:24
Bageshri
04:38
Abhogi
11:03
Flute | Soothing vibes
18:25
Flute | Raag Durga p.2
03:20
Flute | Raag Durga
03:34
Flute | Raag Lalit
Playlist
03:07
Jaijaivanti
03:32
Shyam Kalyan
03:16
Malkauns
Playlist
24:50
Sitar | Raag Yaman
04:19
Setar Dashti
03:24
Bageshri
04:38
Abhogi
03:07
Jaijaivanti
03:32
Shyam Kalyan
03:16
Malkauns

La scoperta della musica: la fonte

Guarda l'umile contadino perso nel tempo, in piedi su una vasta sagoma di montagne e nuvole. Durante la sua raccolta, ha sentito il vento danzare attraverso il bambù cavo, creando melodie sopra il vento della valle. Incuriosito, ha modellato un bambù che può fare lo stesso. Ora ha tra le mani il primo flauto di bambù. Da chi impara a dar forma alle melodie? Da dove inizia il suo viaggio nella musica?

Osserva quello che fa. Osservalo mentre ascolta il richiamo degli uccelli - cammina lungo il fiume - studia il linguaggio dei venti - assorbe la melodia della Terra.

La musica, nata da un desiderio interiore di espressione, riflette le sottili qualità della natura e del mondo che ci circonda. Ed è attraverso quel desiderio interiore che scorre l'ispirazione. Quando fu trovato il tesoro della melodia, l'umanità desiderava aveva un ardente desiderio di osservare. Di stare in cima alle vette delle montagne. Di fermarsi, di ascoltare. "Cosa realmente esiste al mondo, oh Grande, che è eternamente bello, che riempie di gioia i venti, che crea la vita intera?"

Questa è la domanda: il viaggio alla scoperta interiore iniziato con il gioiello della musica. E ascoltando il richiamo degli uccelli e vedendo i colori delle stagioni, l'attenzione dell'umanità è stata ispirata a rivolgersi ancora una volta alla natura. La Persia si volge verso l'usignolo, l'India verso il pavone, la Cina verso la fenice, l'America nativa verso il fratello lupo. Tutto per riportare l'attenzione dell'umanità su ciò che è bello. E con queste note - questo intreccio musicale dal mondo che li circonda - gli esseri umani creano musica. La creano ancora una volta come riflesso dei loro cuori. E quando il contadino suona il suo flauto, dapprima si domanda, ma poi afferma con grande sicurezza, senza alcun dubbio, “Posso creare, ma so che la fonte è più grande di me. Se possiamo creare, allora molto vasto deve essere lo scopo della nostra vita.”

In questo modo, i venti della musica sono stati eternamente collegati al Mare della Meditazione, in cui gli esseri umani seguono la luce del loro vero Sé, che è Gioia, che è umiltà, che è un lago di calma. Come può una tale forza placare una mente errante e far vedere agli esseri umani oltre i loro occhi? Così: la musica è per sempre un maestro delle nostre orecchie, dei nostri cuori e della nostra esistenza. La sua voce è come un padre e una madre, e noi siamo i loro figli.

In verità, tutte le espressioni in natura rappresentano le sottili qualità primordiali dell'Universo. In verità la musica, come suo vascello, è una chiave per sbloccare queste qualità eterne dentro di noi.

Le qualità degli strumenti

E così il contadino è stato ispirato dal vento, quindi è nato un flauto. In Persia, il leggero gioco della pioggia che cade ha portato il santur. In Cina, il guqin è stato costruito per dipingere come gli alti fiumi incontrano la Terra dalle montagne.

Quando il desiderio di espressione è sincero, gli strumenti del mondo antico sono creati col solo scopo di riflettere gli elementi della natura e, con essi, le qualità eterne che detengono. La purezza dell'acqua, la forza sottile del vento, l'azione purificatrice del fuoco. Ognuna di queste qualità immortali può vivere per sempre nella musica attraverso tali strumenti. E anche la creazione di strumenti musicali segna un messaggio per l'umanità: che, come uno strumento, nato con lo scopo di creare, nel cuore dell'umanità si celano tutti e cinque gli elementi che rendono bello questo mondo. Tutte le qualità, tutte le potenzialità e tutta la Verità si trovano all'interno. Quindi possiamo essere gli strumenti che esprimono le stesse qualità di amore e gioia, portando colore a tutto ciò che ci circonda.

Questo è ciò che fa uno strumento, e i suoni che ci calmano, che da questo sono creati, ce lo ricordano. Sentiamo la dolcezza nel flauto e, sentendolo, il nostro vero Sé, la nostra esistenza, è ispirata a diventare una dolce personalità. Nel santur, il nostro Vero Sé è ispirato a diventare come quell'oceano di corde - tranquillo, pacifico, contento. Tutti questi strumenti, la loro struttura e i loro suoni divini devono instillare quel desiderio di diventare uno strumento nella nostra stessa vita. È così: la musica ispira, la musica dà. Tuttavia, questo è solo l'inizio del suo lavoro all'interno degli esseri umani.

La musica e la sua relazione con il sistema sottile

La musica agisce dentro di noi. In essa risiede la qualità di penetrare nei nostri cuori e nel nostro essere, anche se non siamo consapevoli di come funziona. È una forza che dona costantemente, che lavora per ispirare i nostri cuori e le nostre anime a sentire, ad ascoltare, a vedere, a dare.

Storicamente possiamo osservare come gli esseri umani hanno usato la musica per agire sui nostri sistemi sottili. Nell'azione, incitando gli antichi eserciti a sollevarsi al battito del tamburo; invocando il coraggio e il potere di vincere. Nell'animo, offrendo le note al poeta che scrive, dando colore alle sue emozioni. Mostrandosi come un amico con cui confidarsi; come un rifugio. Potremmo persino sentire e sperimentare questi aspetti spesso sottili della musica nelle nostre moderne vite quotidiane. Quando vogliamo ascoltare quella musica per aiutarci a superare la giornata, quando troviamo quella musica in cui essere assorbiti. Queste sono tutte espressioni del lato destro e sinistro su cui la musica può agire.

Vi è tuttavia il centro nascosto che può essere raggiunto. Proprio come in meditazione c'è un canale centrale nascosto all'interno del nostro essere, che giace pronto per essere sfruttato. In questo spazio, la musica assume una qualità che può attirare la nostra attenzione verso il centro e connetterci ulteriormente con il nostro vero Sé. Quando il musicista, che in completa connessione con la musica, permette alla pura creatività di fluire senza pensiero o attaccamento, qui si trova la musica al centro, e tutta la bellezza di questa musica può quindi essere pienamente sperimentata dall'ascoltatore in meditazione.

Ricordiamo ancora una volta cosa significa ascoltare attraverso la meditazione, permettere alla pura attenzione di seguire la bellissima atmosfera creata da un musicista. Possiamo testimoniare come la musica entri e danzi nel sistema sottile. Come questa musica, in quanto riflesso della più grande musica sottile, sblocchi un oceano di tranquillità nel nostro essere. Questo è il potenziale relativo alla musica del centro. Sblocca le qualità e la gioia del nostro vero essere.

I Raga classici indiani e le loro qualità

In verità, la musica classica indiana è una pratica per incarnare la musica del centro; la musica della spontaneità. In essa, attingiamo a quell'oceano che è la fonte di ogni ispirazione. Lo studente impara a comporre colori e atmosfere nel vento. Impara le note una ad una, incarnandole e avvicinandosi a loro come buoni amici. Dalle note ha luogo la scoperta di determinate combinazioni. Nascono così melodie e linee guida.

Da queste diverse melodie derivano il carattere e l'unicità della musica. I colori unici della melodia sono chiamati Raga. Essi determinano una particolare struttura e la presenza di una musica. E la presenza che i raga incarnano, i loro movimenti, sono descrizioni poetiche del sole nascente, delle stagioni della pioggia e della polvere del crepuscolo. Percorrono lunghe traiettorie per descrivere le qualità interiori del fuoco, dell'acqua e della terra. E ancora più grandi, possono andare oltre tutti i confini della mente per iniziare a descrivere il regno dei principi di tutta questa creazione.

In questo modo, ogni raga è una rappresentazione delle qualità interiori del nostro sistema sottile. Nella meditazione, mentre ascoltiamo tale musica, le note risuonano con il nostro sistema nervoso per correggere sottilmente i nostri centri. Noterai come ogni raga risuoni in modo diverso. Ciascuno porta con sé una struttura che gli è propria. Ognuno si concentra su aspetti specifici del nostro essere sottile. La presenza del Raga Yaman cura l'azione creativa e la conoscenza del nostro Swadisthan chakra. Con l'eleganza del Raga Jaijaiwanti, il nostro Vishuddhi chakra è reso dolce. La maestà del Raga Bhairav risveglia la natura distaccata del nostro Spirito. Tutte queste qualità si risvegliano ed evolvono dentro di noi quando meditiamo su questa musica. È una scoperta da fare e un viaggio da intraprendere. E quel viaggio può essere fatto solo all'interno, con la musica, cuore a cuore. Medita sui Raga senza pensieri e osserva come essi si muovono all'interno.

Lo studente impara le note e le regole di un Raga fino a conoscerle nel profondo. Dopodiché, una libertà arriva proprio come quando otteniamo la libertà di diventare un tutt'uno con le parole e le regole di una lingua. Il linguaggio della musica può quindi essere parlato con l'unicità e la personalità dell'artista. Questo è il modo in cui un raga può essere eseguito un numero infinito di volte, mantenendo sempre un carattere di freschezza e novità.

Puoi ascoltare il raga Durga da persone diverse, con strumenti diversi, e ogni volta che viene eseguito, il suo andamento e la sua esposizione cambieranno. Non è cambiando le note o le regole che queste esibizioni rimangono uniche. È dall'espressione di note particolari, in cui le regole diventano come la direzione di un fiume. La fonte è la stessa, ma la direzione, il ritmo e il percorso potrebbero essere diversi. Improvvisamente, quella che una volta era una semplice descrizione di note diventa poesia musicale, che conferisce a questa musica la sua infinita qualità. E lo studente e il maestro allo stesso modo, nell'abbraccio della spontaneità, assistono a questo svolgersi, portando gioia a questi percorsi che vengono intrapresi ancora e ancora.

Dalle note e dalle regole stabilite, risvegliamo il massimo. L'infinito nel finito. Proprio come il nostro sé finito può svilupparsi attraverso la meditazione per potenziare le infinite qualità del nostro vero essere. Questa è l'arte e la via eterna del Raga. È attraverso la meditazione e il riflesso interiore che questi Raga vengono scoperti e assorbiti. A causa di quella radice sacra, l'ascoltatore può anche approfondire un simile stato. E con questo stato arriva l'Unione completa con il presente, l'Unione con la musica, l'Unione con l'Oceano del nostro Spirito. Che è pura gioia, è pura verità, è pura esistenza.