Kundalini | We Meditate

Kundalini

Kundalini_on_chakra_chart.jpg

Cos'è la Kundalini?

In ogni essere senziente c'è un'energia situata nell'osso sacro, il grande osso triangolare alla base della colonna vertebrale (il nome proviene proprio dall’aggettivo "sacro"). Questa energia è conosciuta in sanscrito come Kundalini - letteralmente "arrotolata" - perché è raggomitolata in tre spirali e mezzo

Quando l'energia che risiede in questo osso viene risvegliata, sale sulla colonna vertebrale ed esce attraverso l'area della fontanella, la parte della testa che è morbida nei bambini. Quando la Kundalini attraversa questa zona, può essere percepita come una brezza fresca, come se fuoriuscisse da una fontana. Infatti questa zona si chiama fontanella

WeMed_JPGs__465_of_534_.jpg

Kundalini e meditazione

L'energia della Kundalini è normalmente inattiva. Lo scopo della meditazione è di risvegliare questa energia in modo che le sue qualità possano essere manifestate. Può essere risvegliata attraverso il nostro potere di puro desiderio, il desiderio di conoscere il nostro vero sé, il nostro Spirito. In altre parole, il desiderio di avere la nostra autorealizzazione.

Il nostro vero sé è spesso nascosto da noi da pensieri ed emozioni, ma quando la Kundalini si alza, ci porta spontaneamente in uno stato di meditazione. Quindi possiamo staccarci da questi pensieri ed emozioni per provare la pura gioia e la pace che esiste in ognuno di noi.

Gli effetti della Kundalini possono essere avvertiti sul sistema sottile, che è rappresentato a livello fisico come sistema nervoso centrale. I canali sinistro e destro sono il sistema nervoso simpatico e l'asse centrale è il sistema nervoso parasimpatico. Quando la Kundalini si alza, passa attraverso i principali plessi nervosi lungo la nostra spina dorsale che sono centri di energia, chiamati Chakra in sanscrito.

Questi plessi nervosi controllano tutte le energie presenti nel nostro corpo e secernono gli ormoni. Sono la radice di tutte le nostre attività fisiche, mentali ed emotive. Pertanto, ogni Chakra è associato a determinati tratti fisici, mentali ed emotivi. Quando sperimentiamo disturbi a livello mentale, emotivo o fisico, ciò è dovuto a un "blocco" o tensione in questi Chakra.

Prova a meditare

La Kundalini è un'energia materna

Quando l'energia della Kundalini sale attraverso i nostri Chakra, libera queste tensioni e quindi ci purifica dagli squilibri. Inoltre, le qualità positive associate a ciascun Chakra sono risvegliate dentro di noi. Quindi, la Kundalini è spesso definita come energia materna in quanto nutre il nostro essere e ci aiuta a crescere in una personalità più completa.

'Questa Kundalini è la madre spirituale
di ogni individuo.’

Shri Mataji Nirmala Devi

Questo tipo di "guarigione" è un evento spontaneo che si verifica solo quando la Kundalini viene sollevata attraverso il nostro puro desiderio. Non può essere raggiunto attraverso alcuno sforzo mentale o fisico, questo perché lo scopo della meditazione è di essere senza pensieri e di testimoniare questo processo vivente dentro di noi.

Il cervello limita la nostra capacità di crescere poiché ci impedisce di arrenderci a un processo che non può vedere o non ha ancora sperimentato. Il potere di trasformazione della Kundalini è molto maggiore di quello delle nostre menti e trascende la razionalità umana. Rimuove tutto ciò che ci fa ristagnare nella vita e porta il nostro essere ad un livello superiore, oltre l'ego e i condizionamenti. Quindi la nostra Kundalini accelera il processo vivente della nostra evoluzione.

'Spero che la maggior parte di voi otterrà la sua realizzazione oggi. E che diventerete voi stessi maturando. La Kundalini ti matura, gradualmente.’

Shri Mataji Nirmala Devi

Kundalini e Yoga

Quando la Kundalini attraversa tutti i chakra e attraversa l'osso della fontanella, siamo portati in uno stato di consapevolezza senza pensieri. Tutti i pensieri e le emozioni che ci fanno rimanere bloccati nel passato o fissati sul futuro vengono rimossi, e così possiamo testimoniare il momento presente, in pace.

Così la nostra attenzione si illumina e la nostra coscienza diventa collettiva quando siamo pienamente consapevoli di ciò che ci circonda. Questo è il momento del vero Yoga, che significa "unione" in sanscrito. Ti connetti con tutto ciò che ti circonda. Non è uno sforzo, ma un avvenimento spontaneo quando la Kundalini sale a questo punto.

Il risveglio della Kundalini è irreversibile, come lo sono tutti i processi viventi. Tuttavia, per sostenere gli effetti del risveglio della Kundalini, è necessario praticare una meditazione regolare per continuare a sollevare questa energia. Come qualsiasi muscolo del corpo, più viene utilizzato, più diventa forte.

Più spesso si medita, più la Kundalini è in grado di purificare i nostri chakra e risalire fino al nostro chakra finale nell'area della fontanella. Pertanto, si può essere portati più frequentemente in uno stato di consapevolezza senza pensieri. Inoltre, questi periodi di pura meditazione, tra le onde dei pensieri che attraverso le nostre menti, diventano più lunghi.

Consapevolezza vibratoria

Più puliti diventano i nostri chakra attraverso la pulizia regolare della nostra Kundalini, maggiore è la nostra sensibilità alle vibrazioni. Le vibrazioni sono la manifestazione fisica della nostra Kundalini e possono essere sentite prevalentemente nella parte superiore della testa e sui palmi delle mani. Pertanto, quando la Kundalini viene risvegliata, si sente una "brezza fresca" nell'area della fontanella. Allo stesso modo, quando la Kundalini raggiunge questo punto, questa freschezza può essere percepita sul palmo delle mani.

Le nostre mani sono come una mappa del nostro sistema nervoso centrale, poiché è qui che si trovano i centri nervosi simpatici. Pertanto, ogni parte della mano corrisponde a un chakra. Quando la Kundalini raggiunge ogni chakra, le sensazioni, o Vibrazioni, che si sentono sulla mano indicano lo stato del chakra. Freschezza indica uno stato equilibrato e pulito del chakra, poiché la Kundalini può facilmente passarci attraverso. Il calore o il formicolio indicano un blocco nel chakra, poiché l'attrito si crea quando la Kundalini tenta di passare.

Pertanto, la manifestazione dell'energia Kundalini come vibrazioni ci mostra lo stato del nostro essere senza alcuno sforzo. Non è richiesto alcun pensiero o analisi. Solo alzando la Kundalini possiamo arrivare a sapere esattamente cosa sta accadendo a livello fisiologico, mentale ed emotivo. Se siamo in grado di rilevare precocemente gli squilibri, possiamo curare lo squilibrio a livello energetico, evitando così molti problemi nel nostro essere molto prima della loro insorgenza.

Kundalini e conoscenza di sé

Attraverso il meccanismo delle vibrazioni, la Kundalini funge da guida per la crescita e la scoperta del sé. Come una madre, ci mostra dove stiamo sbagliando e le aree in cui possiamo migliorare il nostro benessere generale. Che si tratti di un livello mentale, fisico o emotivo, ci mostra esattamente da dove proviene qualsiasi problema.

Pertanto, non solo direttamente attraverso la meditazione ma anche attraverso l'introspezione di ciò che abbiamo vissuto durante le nostre meditazioni, possiamo sviluppare la nostra personalità e apportare piccoli miglioramenti nella nostra vita quotidiana per elevare il nostro stato. La Kundalini risponde alla nostra pura aspirazione di crescere, tutto ciò che sperimentiamo attivando questa energia è senza dubbio per il nostro benessere, anche se inizialmente potremmo non capirlo a livello mentale.

Ecco perché l'aspetto più importante della meditazione è essere aperti e vivere l'esperienza come un esperimento. Essere di mentalità aperta consente alla Kundalini di agire liberamente senza ostacoli. Inoltre, se siamo pronti ad affrontare noi stessi e ciò che abbiamo dentro, il processo di crescita è accelerato. Tutti gli esseri umani sono imperfetti e qualsiasi difetto all'interno del nostro essere dovrebbe essere affrontato con distacco, poiché non fanno parte del nostro vero sé.

La Kundalini nelle culture antiche

La Kundalini ha ricevuto molti nomi da diverse civiltà. I giapponesi la chiamano "ki" e il cinese "chi". Il popolo Kung del Kalahari chiamava questo stesso potere "n/um". I Greci chiamavano questa energia "Pneuma" e l'Islam parla di "Rûh". Nella tradizione indiana è il riflesso del Desiderio di Dio dentro di noi, la Madre Primordiale, conosciuta come Adi Shakti. Cristo lo chiamò "Lo Spirito Santo". Il vento dello Spirito Santo che i discepoli di Cristo sentirono a Pentecoste è in effetti la stessa fresca brezza della Kundalini che può essere sentita sui palmi e sul cima della testa, quando viene risvegliata all'interno di un essere. Gyaneshwara, un famoso santo dell'India nato intorno al 1275 d.C., descrisse la Kundalini nel suo libro "Gyaneshwari".

'Kundalini è una delle più grandi energie. L'intero corpo del cercatore inizia a brillare a causa del sorgere della Kundalini. Per questo motivo, le impurità indesiderate nel corpo scompaiono. Il corpo del ricercatore appare improvvisamente molto proporzionato e gli occhi sembrano luminosi e attraenti. "Gyaneshwara dal suo libro" Gyaneshwari "

Gyaneshwara
from his book 'Gyaneshwari'

Diverse culture si riferivano anche a un'energia vitale a cui puoi accedere quando sei in uno stato equilibrato. Ad esempio, alcune tribù di nativi americani credevano in un'energia situata alla base della spina dorsale, ma era considerato così sacro da vietare persino di pronunciare il suo nome.

I riferimenti egiziani alla Kundalini erano molto più simbolici. Si dice che Osiride (il Dio dell'aldilà) si elevasse in cielo sopra la colonna vertebrale di sua madre, la Dea Nut, le vertebre erano utilizzate come gradini di una scala. Questo è simile all'antico concetto indiano di illuminazione, in base al quale il cercatore sale a uno stato di grazia. Si diceva che la Kundalini fosse un'energia individuale specifica per ogni persona, e così quando la Kundalini di quella persona si risveglia la sua consapevolezza sale lungo quella "scala" verso uno stato superiore.

Nella cultura sumera il sistema sottile è rappresentato da due serpenti intrecciati attorno ad un asse centrale che toccano sette punti. Il canale centrale è il percorso della Kundalini. Questi sette punti sono i sette chakra del corpo e i due serpenti rappresentano i canali sinistro e destro. L'immagine di un serpente in relazione alla Kundalini è presente anche nell’hinduismo, dove i seguaci credono che il serpente cosmico Ananta ci abbia creati e che la Kundalini sia il riflesso di questo potere della creazione in tutti noi. Allo stesso modo, gli Aztechi veneravano "Quetzalcoatl" il Dio serpente come creatore dell'umanità.

Nell'ebraismo, "Shekhina" è il nome dato all'aspetto femminile di Dio Onnipotente. In ebraico la stessa parola "Shekhina" deriva dal verbo biblico "shakhan", che significa "l'atto di abitare", ma assunto nella forma femminile. Pertanto, all'inizio dell'era talmudica, "Shekhina" era l'aspetto femminile di Dio che abitava tra le persone e che poteva essere compreso da tutti i sensi.

Quindi nel corso della storia, in tutto il mondo, c'è stata questa consapevolezza di un'energia materna che risiede in ognuno di noi. Tutte queste culture e civiltà a modo loro hanno capito che attraverso la nostra connessione con lei possiamo integrarci con la Creazione da cui abbiamo iniziato e realizzare il nostro vero potenziale.

'Come risultato di quel risveglio, ciò che accade è che raggiungi la tua Realizzazione del Sé, la tua identità. In secondo luogo, quando questo potere viene risvegliato, aumenta e passa attraverso sei sottili centri energetici nel tuo corpo, nutrendoli e integrandoli. ’

Shri Mataji Nirmala Devi
N.b.: Il primo centro energetico si trova sotto la Kundalini ed è per questo che essa ne trafigge solo sei.

Kundalini e Sahaja Yoga

In passato la Kundalini è stata risvegliata da decenni di intenso impegno e dedizione. Pochissime persone hanno gestito questa grande impresa, ed è stata raggiunta solo attraverso la meditazione e l'ascetismo indisturbati. Alcune grandi sante personalità sono nate con la loro Kundalini già risvegliata, ma anche loro non hanno saputo come risvegliare la Kundalini degli altri.

Tuttavia nel 1970 Shri Mataji Nirmala Devi scoprì un metodo di meditazione per connettersi senza sforzo con la nostra energia Kundalini. Sin dalla nascita era stata profondamente consapevole della propria coscienza spirituale, ma non sapeva come presentarla alla gente dei tempi moderni. Vide la confusione e la sofferenza abbondare in tutte le persone, nonostante gli sforzi di molte personalità spirituali nel corso della storia. Ha cercato un modo per aiutare l'umanità a raggiungere il suo scopo.

Il 5 maggio 1970, su una tranquilla spiaggia di Nargol, in India, un'esperienza spirituale divina riempì il suo intero essere e improvvisamente ebbe la risposta alla sua domanda. Aveva scoperto un modo per dare la realizzazione del Sé in massa, e quindi facilitare la trasformazione interiore. Nacque così Sahaja Yoga, che significa letteralmente "Unione spontanea" in sanscrito.

Provando prima questa esperienza sulle persone vicino a Lei, Shri Mataji ha visto come sono state trasformate mentalmente, fisicamente e spiritualmente. Da allora in poi ha instancabilmente viaggiato in tutto il mondo, sollevando i Kundalini di centinaia di migliaia di persone e mostrando loro come risvegliare la Kundalini degli altri. Inoltre, ha sviluppato e diffuso molte tecniche che possono essere utilizzate in meditazione per rafforzare la Kundalini e approfondire questa esperienza. Sahaja Yoga è ora praticato in oltre 100 paesi, ed è diffuso in tutti i continenti.

'L'unica cosa che dovete capire é che il risveglio della Kundalini e il conseguimento dell'autorealizzazione é un processo di evoluzione vivente per il quale non possiamo pagare nulla. È come mettere un seme nella Madre Terra. Germoglia perché la Madre Terra ha il potere di germogliarlo e il seme ha una qualità germinativa incorporata al suo interno.’

Shri Mataji Nirmala Devi

Shri Mataji non ha mai venduto questa esperienza, poiché sosteneva che era il diritto di nascita di ogni essere umano e che aveva il potenziale per cambiare il mondo in meglio. Ha riconosciuto che anche se istituzioni e governi cercano di stabilizzare la società, se non c'è pace all'interno di noi stessi è difficile crearla dall'esterno.

Realizzazione de Sé con Shri Mataji Nirmala Devi